Chiacchiere in cucina

Chiacchiere in cucina

sabato 19 maggio 2012

BACI DI PANTELLERIA (a modo mio)




Ingredienti per la pastella:
·         1 uovo intero
·         1 cucchiaino di zucchero semolato
·         ½  cucchiaino di zucchero vanigliato
·         150 grammi di farina 00
·         un pizzico di sale
·         200 grammi di latte alta qualità




Per il ripieno:
·         500 grammi di ricotta fresca bella asciutta
·         150 grammi di zucchero semolato
·         2 cucchiaini di zucchero a velo vanigliato
·         la buccia di un piccolo limone grattugiata
·         due pizzichi di cannella in polvere
·         macedonia di frutta candita a cubetti in quantità a piacere (oppure gocce di cioccolato)
  

Inoltre:
·         formine per frittelle (stella - farfalla - fiore)
·         olio di semi di arachidi per friggere
·         zucchero a velo vanigliato q.b. 





Preparazione:
Rompete l’uovo in una ciotola, unite lo zucchero semolato e quello vanigliato e mescolate bene il tutto.


Aggiungete poca alla volta la farina setacciata con il sale e diluite con il latte fino ad ottenere una pastella  liscia e semiliquida che lascerete riposare per circa una oretta.


Mentre la pastella riposa, iniziate a preparare il ripieno.
Setacciate la ricotta in una capace ciotola, unite lo zucchero semolato e quello vanigliato ed amalgamate bene il tutto.

Profumate con  la buccia di limone sottilmente grattugiata e la cannella e mescolate ancora.
Incorporate da ultimi i cubetti di macedonia candita (o le gocce di cioccolato), amalgamate bene, coprite, e mettete in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.

A questo punto, iniziate a preparare le frittelle.

Ponete a scaldare l’olio in una capace padella per fritti e, non appena risulterà ben caldo, intingetevi gli stampini lasciando i manici  appoggiati sul bordo.

Una volta caldi, prendetene  uno alla volta per il manico e passateli nella ciotola della pastella.

Intingeteli 2-3 volte di seguito (o comunque fino a quando la pastella non aderirà perfettamente sulla forma calda) facendo ben attenzione a non oltrepassare il bordo altrimenti le  frittelle non riusciranno a staccarsi dagli stampi.

Rimetteteli nell’olio e, aiutandovi con il manico roteateli un pochino; dopo qualche secondo, come per magia, vedrete le vostre frittelle aprirsi e staccarsi dagli stampi.
Rigiratele delicatamente con una pinza (o con una forchetta) e, quando risulteranno dorate in modo uniforme, scolatele e ponetele a perdere unto su un vassoio foderato con carta assorbente da cucina.

Procedete alla stessa maniera utilizzando tutte e tre le forme e terminando completamente il composto.

Una volta che tutte le frittelle saranno pronte e belle fredde, allineatele in un solo strato su un vassoio e spolverizzatele con abbondante zucchero a velo.


A questo punto, iniziare aa assemblare i vostri baci. 

Prendete una frittella alla volta tra le mani e spalmate, sulla parte scanalata, un abbondante strato di crema alla ricotta.


Ricoprite con un’altra frittella della stessa forma (sempre sullo stesso lato) e comprimete leggermente affinchè  un po’ del ripieno fuoriesca dai buchetti in superficie.

Spolverizzate con altro zucchero a velo, disponete i "baci" su una bella alzatina da portata e servite.




P.S. Questi dolcini risulteranno croccanti se mangiati subito, morbidosi  se tenuti un po’ di più (questo per effetto della ricotta che con il tempo tende ad inumidire la frittella).

Comunque sia posso assicurarvi che in entrambi i casi sono buonissimi!!


12 commenti:

  1. Bravissima!!!!!! Questa ricetta è bellissima, mi piace anche il tuo blog

    RispondiElimina
  2. Io... io... io... Li voglio in entrambi i casi, sì, sì!! Troppo buoni questi baci. Anche se non altrettanto buono ne mando uno anche a te :-) Buona domenica

    RispondiElimina
  3. E' un vero piacere conoscerti Carmen,ti seguo molto volentieri anch'io! Ma lo sai che non ho mai visto queste formine...mi mettero' in cerca perchè sono davvero bellissime queste frittelle!!A presto...Maria

    RispondiElimina
  4. Carmen ma questa e' una meraviglia! che lavoro e non avevo mai visto farli:-) sai ho una mia amica che ha un damuso a Pantelleria devo dirle se mi porta un po' di questi dolcetti:-) bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
  5. I tuoi baci devono essere spettacolari! Di Pantelleria conoscevo solo il passito, devo assolutamente rimediare. Interessante anche la preparazione, è la prima volta che vedo quegli stampini! Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Bellissimi e invitanti!!!! Complimenti cara, un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che bravaaaa!
    Sono bellissimi.
    Un abbraccio e piacere di conoscerti
    Inco

    RispondiElimina
  8. Sono delle vere opere d'arte, non li conoscevo am devono essere una squisitezza! un bacio

    RispondiElimina
  9. Sai una cosa? Sei una gran cuoca di quelle che lavorano veramente ai fornelli e ti seguo subito!!

    Ciao
    Alessandra
    http://www.alessandrazecchini.com/

    RispondiElimina
  10. non conoscevo questa ricetta,grazie!

    RispondiElimina
  11. è da parecchio che voglio fare questi dolcetti, grazie della spiegazione e della ricetta..ma gli stampi dove li trovo??? io abito al nord, riesco a recuperarli da qualche parte??? mi unisco ai tuoi lettori, se ti va, fallo anche tu!!!!!

    RispondiElimina
  12. Io li ho trovati in quelle fiere di paese, presso uno di quegli stand dove fanno le dimostrazioni culinarie per vendere accessori da cucina...

    RispondiElimina